Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

autistici /inventati crackdown


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
- roma - - ctrl_alt -
il 31/12 giornata di lotta contro il carcere
by odio il carcere Saturday November 15, 2003 at 12:56 PM mail: odioilcarcere@inventati.org 

Facciamo del 31/12 una giornata di lotta contro il carcere

LOTTIAMO PERCHÉ DI CARCERE NON SI MUOIA PIÙ...
...MA NEMMENO DI CARCERE SI VIVA!


FACCIAMO DEL 31 DICEMBRE 2003 UNA GIORNATA CONTRO IL CARCERE
per iniziare l'anno nuovo con il dire che
UN ALTRO MONDO POSSIBILE DEVE ESSERE UN MONDO SENZA GALERE



Da mesi le proteste di decine di migliaia di detenute e detenuti hanno interessato oltre 150 carceri italiane; hanno segnalato puntualmente le orribili condizioni in cui versano in questo Paese, senza scalfire l'ottusità di quel Governo e di quel Parlamento, allucinato in una folle rincorsa delle più squallide politiche forcaiole e capace solo di distruggere le residue libertà, le garanzie democratiche e i diritti.
Questa protesta ha trovato un sostegno in alcuni settori di movimento, concretizzato in iniziative significative ma non sufficienti a scardinare l'immobilismo granitico del sistema politico italiano.

Eppure le condizioni interne alle carceri italiane ormai sono note a tutti e tutte:

- Condizioni di sovraffollamento giunte a livelli inaccettabili: oltre 57.000 presenze a fronte di una capienza degli Istituti Penitenziari che non dovrebbe superare, secondo le valutazioni del Ministero della Sanità, i 40.000.

- Situazione igienico-sanitaria completamente disastrata: mancano farmaci e medici specialistici; vengono interrotte le terapie; non è applicata la legge del 1999 sul passaggio della sanità penitenziaria al Servizio Sanitario Nazionale, in modo che detenuti e detenute possano ricevere le stesse cure del resto della cittadinanza.

- Le politiche proibizioniste sull'uso di sostanze stupefacenti che il Governo vorrebbe ancora peggiorare (vedi la legge Fini sulle droghe), che producono una presenza in carcere superiore ad un terzo della popolazione detenuta.

- Non applicazione di fatto delle misure alternative al carcere: il meccanismo è stato volutamente inceppato, rendendolo sempre più farraginoso e burocratico; diminuendo altresì il personale civile nelle carceri e gli organici dei Tribunali di Sorveglianza.

Di fronte a tale situazione il sistema politico italiano non formula proposte o risposte, ma imbrogli, come nel caso del cosiddetto "indultino", grazie al quale sono usciti dal carcere non più di 700 detenuti/e. Oppure, formula nuove proposte di legge, come quella che farà aumentare le condanne per coloro che ripetono lo stesso reato nell'arco di un certo numero di anni (recidivi), che non fanno altro che peggiorare una condizione già estrema. O ancora, restringe ulteriormente le libertà per i migranti; tenta di criminalizzare ogni forma di opposizione e conflitto contro le politiche governative.

Questo carcere, nessun carcere, serve, né servirà MAI a "reinserire" o "rieducare" (come sostiene la Costituzione italiana) coloro che commettono reati, com'è dimostrato dai tanti che "ritornano" in carcere dopo esservi stati una prima volta.

Il carcere di oggi, come quello di ieri e quello di domani, si rivela nella sua essenza profonda: produzione di sofferenze e degrado e distruzione della dignità della persona rinchiusa.


ODIOILCARCERE

Contro QUESTO carcere, ma anche contro OGNI carcere,
noi ci ritroveremo il 31 dicembre prossimo, come lo scorso anno, sotto il carcere di Rebibbia a Roma per esprimere la nostra solidarietà a chi è privata/o della propria libertà; per stare vicini a chi lotta,nelle condizioni più difficili;per trascorrere la fine dell'anno a fianco dei detenuti e delle detenute e rafforzare la comunicazione oltre le mura e le sbarre.

Ci rivolgiamo a tutte le componenti del movimento,
a tutti e tutte coloro che vorranno utilizzare, in ogni parte del paese, in ogni città grande o piccola (perché le galere sono dappertutto...),questa giornata del 31 dicembre per affermare che:
UN ANNO PER ESSERE NUOVO DEVE ESSERE UN ANNO SENZA GALERE.

ODIOILCARCERE

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum 
Ci sono 3 commenti visibili (su 4) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
contro ogni galera facco Wednesday December 31, 2003 at 03:45 PM
Prigione e prigionieri ... Jhoan Lucia.(na) Drago dryton Tuesday December 30, 2003 at 08:21 AM
si ma.. io Monday December 29, 2003 at 01:19 AM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9