Cos'è questo? - Cosa ci faccio qui? - Cos'era Indymedia? - Cos'è Indymedia Time Machine?
Indymedia e' un collettivo di organizzazioni, centri sociali, radio, media, giornalisti, videomaker che offre una copertura degli eventi italiani indipendente dall'informazione istituzionale e commerciale e dalle organizzazioni politiche.
toolbar di navigazione
toolbar di navigazione home | chi siamo · contatti · aiuto · partecipa | pubblica | agenda · forum · newswire · archivi | cerca · traduzioni · xml | toolbar di navigazione toolbarr di navigazione toolbarr di navigazione toolbar di navigazione
Campagne

Sostieni,aderisci,partecipa al progetto Isole nella Rete


IMC Italia
Ultime features in categoria
[biowar] La sindrome di Quirra
[sardegna] Ripensare Indymedia
[lombardia] AgainstTheirPeace
[lombardia] ((( i )))
[lombardia] Sentenza 11 Marzo
[calabria] Processo al Sud Ribelle
[guerreglobali] Raid israeliani su Gaza
[guerreglobali] Barricate e morte a Oaxaca
[roma] Superwalter
[napoli] repressione a Benevento
[piemunt] Rbo cambia sede
[economie] il sangue di roma
Archivio completo delle feature »
toolbarr di navigazione
IMC Locali
Abruzzo
Bologna
Calabria
Genova
Lombardia
Napoli
Nordest
Puglia
Roma
Sardegna
Sicilia
Piemonte
Toscana
Umbria
toolbar di navigazione
Categorie
Antifa
Antimafie
Antipro
Culture
Carcere
Dicono di noi
Diritti digitali
Ecologie
Economie/Lavoro
Guerre globali
Mediascape
Migranti/Cittadinanza
Repressione/Controllo
Saperi/Filosofie
Sex & Gender
Psiche
toolbar di navigazione
Dossier
Sicurezza e privacy in rete
Euskadi: le liberta' negate
Antenna Sicilia: di chi e' l'informazione
Diritti Umani in Pakistan
CPT - Storie di un lager
Antifa - destra romana
Scarceranda
Tecniche di disinformazione
Palestina
Argentina
Karachaganak
La sindrome di Quirra
toolbar di navigazione
Autoproduzioni

Video
Radio
Print
Strumenti

Network

www.indymedia.org

Projects
oceania
print
radio
satellite tv
video

Africa
ambazonia
canarias
estrecho / madiaq
nigeria
south africa

Canada
alberta
hamilton
maritimes
montreal
ontario
ottawa
quebec
thunder bay
vancouver
victoria
windsor
winnipeg

East Asia
japan
manila
qc

Europe
andorra
antwerp
athens
austria
barcelona
belgium
belgrade
bristol
croatia
cyprus
estrecho / madiaq
euskal herria
galiza
germany
hungary
ireland
istanbul
italy
la plana
liege
lille
madrid
nantes
netherlands
nice
norway
oost-vlaanderen
paris
poland
portugal
prague
russia
sweden
switzerland
thessaloniki
united kingdom
west vlaanderen

Latin America
argentina
bolivia
brasil
chiapas
chile
colombia
ecuador
mexico
peru
puerto rico
qollasuyu
rosario
sonora
tijuana
uruguay

Oceania
adelaide
aotearoa
brisbane
jakarta
manila
melbourne
perth
qc
sydney

South Asia
india
mumbai

United States
arizona
arkansas
atlanta
austin
baltimore
boston
buffalo
charlottesville
chicago
cleveland
colorado
danbury, ct
dc
hawaii
houston
idaho
ithaca
la
madison
maine
michigan
milwaukee
minneapolis/st. paul
new hampshire
new jersey
new mexico
new orleans
north carolina
north texas
ny capital
nyc
oklahoma
philadelphia
pittsburgh
portland
richmond
rochester
rogue valley
san diego
san francisco
san francisco bay area
santa cruz, ca
seattle
st louis
tallahassee-red hills
tennessee
urbana-champaign
utah
vermont
western mass

West Asia
beirut
israel
palestine

Process
discussion
fbi/legal updates
indymedia faq
mailing lists
process & imc docs
tech
volunteer
Salvate il soldato Vespa
by pino capuziello Sunday, Sep. 08, 2002 at 2:42 PM mail:

L'apparato mediatico si prepara alla guerra

Ieri sera prima di uscire per un pò di sano divertimento mi è capitato di incrociare per un quarto d'ora l'inizio della trasmissione di Bruno Vespa che presentava il film di Spielberg "Salvate il soldato Ryan"... strano che presentino un film di guerra proprio a ridosso dell'11 settembre e dell'imminente crociata contro il mostro iracheno. Devo proprio dire di non aver mai assistito se non forse su qualche trasmissione televisiva americana a una tale apologia della guerra, e il tutto era veramente ben congeniato! Durante la trasmissione veniva spesso fatto riferimento all'11 settembre come paragone allo sbarco in normandia, tema del film... e già qui ci sarebbe molto da dire, poichè le due tipologie di azione sono profondamente differenti... perchè non han parlato ad esempio dell guerra alla Serbia o dell'intervento in Afghanistan? Tant'è... si presenta subito un espertone militare molto di moda ultimamente sulla rai, tale colonnello (o generale, o vattelappesca) Jean, che subito illustra le meraviglie e i segreti dello sbarco... tra l'altro si parlava della guerra ai nazisti come "guerra vinta dagli occidentali" come se i tedeschi non lo fossero, altro evidente riferimento alla crociata cristiana contro i malefici musulmani. Prosegue un militare italiano reduce della Somalia, chiaramente in carrozzella per far pena al pubblico nostrano, che elenca come gli italiani siano andati in quella lontana terra per pacificare la situazione e non dimentica di notare che "gli italiani, prima di dare biscotti e viveri fanno sempre prima un sorriso"... chissà se prima di sparare fanno lo stesso... prosegue un reduce della campagna d'africa della seconda guerra mondiale a cui sono morti due fratelli nella stessa guerra, chiaramente sotto l'esercito fascista... il circo continua con un'intervento del signor Vespa, che esalta il clima di fratellanza e di estrema umanità che si sviluppa nello stesso plotone all'interno di una guerra, citando abilmente uno spezzone di film... e il turno di un reduce di Al-Alhamein, che combattè nella Folgore... e giù esaltazioni del ruolo della folgore... chiude signore e signori (rullo di tamburi) Lucia Annunziata! A domanda del tenente Vespa sull'opportunità o no di far vedere immagini di guerra in televisione, risponde chiaramente che ciò è sconveniente per non possibile pubblico infante... non è che forse è sconveniente far vedere immagini di guerra (e soprattutto di morti) per non impressione l'adultissima opinione pubblica? Avete notato come durante l'intervento in Afghanistan nelle televisioni italiane erano quasi del tutto assenti immagini di morti civili o militare che siano? La cara Annunziata poi prosegue raccontando delle sue esperienze come invitata di guerra e fa giustamente notare come durante un conflitto si riesca a cogliere lo spirito ultimo dell'uomo, dove "non esiste più destra o sinistra, ma solo l'uomo"...
Beh il tutto è stato non c'è che dire molto interessante... altro che grande fratello... in America già da molto tempo sono state istituite agenzie governative per influenzare l'opinione pubblica a ridosso di un intervento militare... che sia successo lo stesso in Italia (probabile) o che sia tutta un'idea del tenente Vespa (anch'esso probabile) o che le due opzioni vadano a braccetto (più probabile)?

versione stampabile | invia ad un amico | aggiungi un commento | apri un dibattito sul forum
Ci sono N_UMVISIBLE commenti visibili (su 8) a questo articolo
Lista degli ultimi 10 commenti, pubblicati in modo anonimo da chi partecipa al newswire di Indymedia italia.
Cliccando su uno di essi si accede alla pagina che li contiene tutti.
Titolo Autore Data
ma quanto sei noioso roby! Il Talpo Wednesday, Nov. 27, 2002 at 12:43 PM
il fatto robi Wednesday, Nov. 27, 2002 at 11:10 AM
Una grande testa Morich Wednesday, Nov. 27, 2002 at 9:16 AM
vespa il falso Gianni Wednesday, Nov. 27, 2002 at 9:11 AM
ah Giulietto... makkekaz Monday, Sep. 09, 2002 at 7:45 AM
La verità Emiliano Sunday, Sep. 08, 2002 at 4:07 PM
Lucia Fallaci *RagE* Sunday, Sep. 08, 2002 at 3:53 PM
E' indicativo sabri Sunday, Sep. 08, 2002 at 3:08 PM
©opyright :: Independent Media Center
Tutti i materiali presenti sul sito sono distribuiti sotto Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0.
All content is under Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 .
.: Disclaimer :.

Questo sito gira su SF-Active 0.9